Domenica 3 luglio, Helga Zepp-LaRouche presenterà la proposta “Lyndon LaRouche New Bretton Woods” come contenuto centrale di una nuova architettura di sviluppo mondiale, in un dialogo di due ore. Con lei ci sarà Diane Sare, collaboratrice di lunga data di Lyndon LaRouche e candidata indipendente al Senato degli Stati Uniti. Una tale politica di Nuova Bretton Woods, e un dibattito politico tra tutte le nazioni, fornisce l’unica base solida per porre fine alle guerre perpetue degli ultimi vent’anni, dopo l’11 settembre, e agli errori politici commessi da quando l’espansione della NATO si è accelerata dopo il 1990.

Il tanto decantato “ordine mondiale unipolare” anglo-americano post-1989 non esiste più. Il suo trentennale “stato di diritto” si è trasformato in guerra perpetua, sanzioni autodistruttive, deindustrializzazione, iperinflazione e fallimenti imminenti, morte di massa a causa di pandemie e disperazione culturale di massa. Non solo l’America, ma anche la Germania, il Regno Unito, la Francia, l’Italia e l’intero gruppo transatlantico sono più in subbuglio che in qualsiasi altro momento dell’ultimo mezzo secolo.

Per molti aspetti, gli Stati Uniti e la NATO sono diventati simili all’Impero britannico, contro il quale i fondatori degli Stati Uniti avevano inizialmente dichiarato la loro indipendenza. Ecco perché le “nazioni NATO” devono abbandonare le loro politiche geopolitiche del XIX e XX secolo e adottare invece un nuovo approccio alla collaborazione con il mondo intero, in particolare con i continenti africano, asiatico e iberoamericano. A prescindere dalle nostre differenze politiche, comprese le dispute con la Russia, la Cina o altri nemici percepiti, dobbiamo trovare una soluzione che faccia progredire il benessere generale di tutte le nazioni e dei nostri posteri.

Il 4 luglio 1776, l’America dichiarò l’indipendenza dal dispotico sistema imperiale britannico. Oggi, come potremmo salvare gli Stati Uniti originali, la loro Dichiarazione di Indipendenza e la loro Costituzione dalle grinfie di Wall Street, della City di Londra e dei quasi inutili partiti repubblicano e democratico? L’idea della Nuova Bretton Woods, discussa per la prima volta in una conferenza del gennaio 1988 ad Andover, nel Massachusetts, da Lyndon LaRouche, Helga Zepp-LaRouche e dal dottor Frederick Wills, ex Ministro degli Affari Esteri della Guyana, è un modo per unire gli Stati Uniti ad altre nazioni per mantenere le promesse dei presidenti Franklin Delano Roosevelt e John F. Kennedy di un giusto ordine economico mondiale basato sul progresso tecnologico per il settore in via di sviluppo.

Ecco il cuore della proposta di Zepp-LaRouche:
“Primo: La riorganizzazione del sistema finanziario mondiale in bancarotta e la sua sostituzione con un nuovo sistema di Bretton Woods. L’obiettivo dichiarato di questo nuovo sistema creditizio deve essere il superamento della povertà e del sottosviluppo in tutto il mondo, ma soprattutto l’innalzamento degli standard di vita nei Paesi in via di sviluppo, rendendo possibile a tutti gli abitanti del pianeta il pieno sviluppo delle proprie capacità potenziali.
Secondo: una riorganizzazione fallimentare delle banche commerciali, ponendole sotto la protezione dei creditori, in modo che possano fornire credito all’economia reale. Le banche d’investimento e le altre entità finanziarie devono gestirsi senza il denaro dei contribuenti, mettendo in ordine i loro conti da sole e dichiarando bancarotta, se necessario.
Terzo: la messa al bando del commercio dei derivati in base ad accordi tra i governi. Tutte le speculazioni sull’energia e sui prodotti alimentari devono essere rigorosamente vietate.
Quarto: l’attuazione immediata di un sistema di tassi di cambio fissi, che possano essere aggiustati periodicamente dai governi entro certi limiti.
Quinto: la riorganizzazione fondamentale del debito dei Paesi e delle imprese e, quando necessario per la loro esistenza produttiva, la cancellazione del debito.
Sesto: la creazione in ogni Paese di una Banca Nazionale nella tradizione di Alexander Hamilton, in modo che la creazione di credito sia posta sotto il controllo dei governi sovrani. In questo modo si può raggiungere la piena occupazione produttiva attraverso investimenti in infrastrutture di base e innovazione.
Settimo: la negoziazione tra le banche nazionali di accordi a lungo termine sul credito a basso tasso di interesse per consentire investimenti in un programma internazionale di infrastrutture e in progetti di ponte terrestre mondiale, come quelli delineati nel rapporto “La nuova via della seta diventa il ponte terrestre mondiale” e come la Cina sta attuando nella Belt and Road Initiative.
Ottavo: L’espansione del ponte terrestre mondiale, che crea vantaggi economici comuni per tutti i Paesi, che a sua volta diventa la base per una nuova architettura di sicurezza internazionale, tenendo conto degli interessi di sicurezza di tutte le nazioni su questa Terra”.

Il modo migliore per commemorare la Dichiarazione di Indipendenza del 1776 è dichiarare l’indipendenza dall’incubo malthusiano della geopolitica e della guerra dell’Anglosfera. Per fare ciò, “un decente rispetto per le opinioni dell’umanità richiede” che venga dichiarata e fornita un’alternativa economica. Unitevi a noi il 3 luglio per impegnare le nostre vite, le nostre fortune e il nostro sacro onore nella realizzazione di questo compito. Tutti sono invitati e tutti sono invitati a partecipare.

Unitevi a noi domenica 3 luglio alle 13.00 EDT, 19.00 CET

Submit your review
1
2
3
4
5
Submit
     
Cancel

Create your own review

Mananera
Average rating:  
 0 reviews