Elon Musk chiede di sapere chi c’era dietro una lettera firmata da più di due dozzine di gruppi liberali che ha esortato gli inserzionisti a boicottare Twitter se completa la sua acquisizione del gigante dei social media.

Le ONG di sinistra – i cui sostenitori includono il finanziere miliardario George Soros e gli ex agenti della Clinton, così come l’Unione Europea e il governo canadese – stanno sollecitando il boicottaggio di Twitter se Musk dovesse rilevare l’azienda.

“Chi finanzia queste organizzazioni che vogliono controllare il tuo accesso alle informazioni? Indaghiamo…”, ha twittato Musk martedì.

Ha aggiunto che “la luce solare è il miglior disinfettante”.

La lettera, firmata da 26 organizzazioni, affermava che “l’acquisizione di Twitter da parte di Elon Musk intossicarà ulteriormente il nostro ecosistema informativo e rappresenterà una minaccia diretta per la sicurezza pubblica, soprattutto tra le persone già più vulnerabili ed emarginate”.

La lettera firmata da 26 ONG liberali includeva il logo di Media Matters for America, un'organizzazione no-profit pro-democratica fondata dal sostenitore della Clinton David Brock.
La lettera firmata da 26 ONG liberali includeva il logo di Media Matters for America, un’organizzazione no-profit pro-democratica fondata dal sostenitore della Clinton David Brock.
AP

Musk prendere il controllo di Twitter significa fare pubblicità sulla piattaforma “rischi l’associazione con una piattaforma che amplifica l’odio, l’estremismo, la disinformazione sanitaria e i teorici della cospirazione”, afferma la lettera.

“Sotto la gestione di Musk, Twitter rischia di diventare un pozzo nero di disinformazione, con il tuo marchio attaccato, inquinando il nostro ecosistema informativo in un momento in cui la fiducia nelle istituzioni e nei media è già ai minimi storici”, aggiunge la lettera.

“I tuoi dollari pubblicitari possono finanziare il progetto di vanità di Musk o costringerlo a rendere conto. Ti invitiamo a chiedere a Musk di rispettare questi standard di base di fiducia e sicurezza della comunità e di ritirare le tue spese pubblicitarie da Twitter se non lo sono”.

Uno dei firmatari della lettera è un'organizzazione legata a George Soros, il finanziere miliardario che ha donato a diverse cause liberali.
Uno dei firmatari della lettera è un’organizzazione legata a George Soros, il finanziere miliardario che ha donato a diverse cause liberali.
Bloomberg tramite Getty Images

La carta intestata del documento include i loghi di tre organizzazioni: Accountable Tech, Media Matters for America e UltraViolet.

Accountable Tech è un’organizzazione con sede a Washington, DC collegata ai massimi democratici. Jesse Lehrich, un co-fondatore, una volta è stato portavoce della campagna presidenziale di Hillary Clinton. È anche il nipote dell’ex consigliere di Obama David Axelrod.

Media Matters for America è un’organizzazione fondata dall’agente politico e sostenitore della Clinton David Brock. MMFA è un sito “dedicato a monitorare, analizzare e correggere in modo completo la disinformazione conservatrice nei media statunitensi”.

L'offerta pubblica di acquisto da 44 miliardi di dollari di Musk è stata accettata la scorsa settimana dal consiglio di amministrazione di Twitter.
L’offerta pubblica di acquisto da 44 miliardi di dollari di Musk è stata accettata la scorsa settimana dal consiglio di amministrazione di Twitter.
REUTERS

UltraViolet è un movimento femminista “mobilitato per combattere il sessismo e creare un mondo più inclusivo che rappresenti accuratamente tutte le donne, dalla politica e dal governo ai media e alla cultura pop”.

Altri firmatari, come Access Now, hanno il sostegno dei governi canadese ed europeo, nonché Soros, il finanziere miliardario a capo delle Open Society Foundations.

L’offerta pubblica di acquisto da 44 miliardi di dollari di Musk è stata accettata dal consiglio di amministrazione di Twitter la scorsa settimana. L’uomo più ricco del mondo si è impegnato a modificare le politiche di moderazione dei contenuti del sito al fine di ripristinare la “libertà di parola” sulla piattaforma.

Cosa ne pensi? Posta un commento.

I liberali temono che Musk consentirà a Donald Trump, che è stato rimosso da Twitter dopo i disordini del 6 gennaio 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti, e ad altre figure conservatrici chiave che sono state bandite dalla piattaforma di tornare sul sito.

Submit your review
1
2
3
4
5
Submit
     
Cancel

Create your own review

Mananera
Average rating:  
 0 reviews