Ultimi articoli

Mananera

Fatti e Misfatti

Che cosa ci aspetta nel 2021

Che cosa ci aspetta nel 2021…
ATTENZIONE: leggete bene il testo, magari due volte, se vi turba. Non è un articolo pro NWO!!! Teniamo a bada l’emotività!

Traduco e pubblico spesso qui i testi di Anna Kiryanova. E’ una psicologa e filosofa con un dono di parlare chiaro di cose essenziali.
Ieri ho letto un suo articolo dedicato all’anno che è appena iniziato. Alcune cose che ha scritto non mi sono piaciute, ma ragionando ho capito che vanno viste in un’ottica diversa, più ampia, e più mutevole. Perché sarà un anno dell’inizio delle trasformazioni.

Quali??

Dipende da NOI

Quindi, Anna scrive:
” A ottobre avevo scritto che il mese di gennaio sarà decisivo.
Una svolta”. (Nota: l’autrice si rivolge al pubblico russo, ma come abbiamo ampiamente appurato, oramai i processi che destano la preoccupazione sono globali e sono sincronizzati in tutto il mondo).
“Molte cose saranno chiarite, la nuova informazione metterà tutto a suo posto. Non c’è nessuna mistica, qui. Un filosofo studia i processi globali, concentrato su cose che riguardano l’umanità, e, intuitivamente, trae le sue conclusioni.
…Quindi, la seconda metà di gennaio darà delle risposte, speriamo, favorevoli. Ma la situazione irta di pericoli continuerà. “Un equilibrio instabile”, chiameremo così questo periodo.
Il più importante valore adesso, un valore salvifico, è l’Ordine. Soltanto l’Ordine può affrontare il Caos. Le Malattie e la Povertà sono figlie del caos, come la Guerra.
Avete preso nota del vostro desiderio di fare l’ordine in casa, di fare dei lavori, di pulirla di più, di organizzare meglio le finanze, di migliorare i rapporti con gli altri?
L’ordine salva. Ma l’ordine sarà imposto dall’alto. Ci dispiace, è sempre brutto subire delle imposizioni. Non c’è niente da fare, occorrerà accettare le regole che non ci piacciono.”
(Nota: Ecco, mi sono detta: ma cosa dici…? Ricordiamoci però, che quando la tua nave è in mezzo al mare in tempesta non puoi uscirne subito, deve aspettare che passi, il mare ha le sue regole, come i processi globali, non importa se sono belli o brutti…)
“…Occhio alla gente del Caos, adesso si riconosce facilmente. Sono le persone guidate dai loro umori, che non mantengono le promesse, non restituiscono i soldi, non osservano nessuna regola, e intorno a loro scoppiano le liti. I calunniatori, i maldicenti, i provocatori saranno emarginati, l’umanità si difenderà dai portatori del male.
I soldi cambieranno e tutti i flussi finanziari saranno diversi.
Meglio di tutto investire nel miglioramento della propria vita, creare intorno a se uno spazio bello. E poi, investire in se stessi: studiando, comprando degli strumenti che occorrono per lavorare.
Per esempio, se amate cucire procuratevi una buona macchina da cucire. Se lavorare online, un buon computer.
E’ pericoloso lasciare i soldi così come sono: le energie stanno cambiando.
E’ meglio investire saggiamente.
La famiglia diventerà un valore, ma i membri della famiglia tossici potrebbero restare fuori della cerchia; ciò che era sempre stato perdonato ora potrebbe non essere più perdonabile.
L’amore diventerà un bisogno primario, una salvezza, una boccata d’ossigeno. Il desiderio di amare diventerà basico; chi ama è più protetto. Le energie dell’amore fronteggiano le energie della morte, del Caos.
Alla fine della primavera tutto cambierà drasticamente. Dovremo accettare i cambiamenti e vivere in modo diverso. La stabilità se ne sta andando, e tutti i processi saranno imprevedibili. Subentreranno le nuove regole della vita, ma noi vivremo. La cosa più importante è questa: vivremo. Le regole cambieranno, avremo molte limitazioni. Alcune cadranno, arriveranno le altre.

Verso l’estate avverrà il cambiamento più importante.
E poi – vedremo.

L’ordine, l’amore, la mobilità e la pazienza – è questa la salvezza.
Si salverà colui che osserva il mondo filosoficamente, ascolta le previsioni e trae delle conclusioni, preparandosi al futuro.”
(Anna Kiryanova)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *