Dichiarazione del Comando di coordinamento congiunto della Federazione Russa per la risposta umanitaria
(29 giugno 2022)

Il Quartier Generale di Coordinamento Congiunto della Federazione Russa per la Risposta Umanitaria, in collaborazione con le autorità esecutive federali competenti e le forze dell’ordine, continua a registrare i fatti di atti criminali da parte del regime di Kiev contro la popolazione civile dell’Ucraina e delle repubbliche popolari del Donbas, così come l’uso di infrastrutture civili da parte delle Forze Armate dell’Ucraina (AFU) e dei militanti dei gruppi nazionalisti ucraini per scopi militari:

a Kramatorsk, nella Repubblica Popolare di Donetsk, nell’asilo №80 (via Parkovaya) e nella scuola №35 (via Yaroslava Mudrogo), i militanti dei battaglioni nazionali hanno dispiegato le loro postazioni, così come postazioni di osservazione, postazioni di tiro e cannoni di artiglieria agli accessi dell’edificio;

a Odessa, ai piani superiori degli edifici residenziali (via Yekaterininskaya), i militari dell’AFU hanno schierato le loro postazioni di tiro e di cecchino. I residenti locali non sono stati evacuati dai loro appartamenti e vengono usati dai nazionalisti come scudi umani;

a Seversk, Repubblica Popolare di Donetsk, nella scuola №3 (via Energetikov), i gruppi armati ucraini hanno schierato mezzi corazzati, artiglieria di grosso calibro e sistemi multipli di lancio di razzi (MRLS), mentre i residenti degli edifici vicini sono trattenuti nel palazzetto dello sport con il presunto pretesto della loro sicurezza.

Questi fatti dimostrano l’indifferenza delle autorità ucraine nei confronti della popolazione civile e il loro totale disprezzo per il diritto umanitario internazionale. Ciò avviene con il tacito consenso dei cosiddetti Paesi occidentali civilizzati che continuano a chiudere gli occhi sui numerosi crimini di guerra del regime di Kiev.

Le conversazioni radiofoniche intercettate di nazionalisti e mercenari stranieri mostrano che i militanti intendono cancellare la città dalla mappa in caso di arrivo delle Forze Armate russe e delle unità della Repubblica Popolare di Donetsk ad Avdeyevka, copiando le tattiche di terra bruciata utilizzate dai nazisti durante la Grande Guerra Patriottica. Lo dimostra una di queste conversazioni radiofoniche (tradotta dall’ucraino):

‘… ci è stato ordinato di ridurre in cenere Avdeyevka…

…e i civili…

…fu… (linguaggio volgare), fate quello che volete, basta che non li facciate uscire, … (linguaggio volgare) per tornare a casa…”.

Questi atti commessi dai nazionalisti ucraini hanno lo scopo di accusare le Forze Armate russe di presunti attacchi indiscriminati alle infrastrutture civili, come già praticato, e di diffonderli attraverso i mass media ucraini e occidentali.

Nonostante tutte le difficoltà e gli ostacoli imposti dalla parte ucraina, nelle ultime 24 ore sono state evacuate dalle zone pericolose dell’Ucraina e del Donbass 19.650 persone, tra cui 3.259 bambini, e in totale, dall’inizio dell’operazione militare speciale, sono già state evacuate 2.190.202 persone, di cui 346.595 sono bambini.

Il confine di Stato della Federazione Russa è stato attraversato da 339.190 veicoli a motore privati, di cui 4.250 nelle ultime 24 ore.

Più di 9,5 mila centri di accoglienza temporanea continuano ad operare nelle regioni della Federazione Russa. I rifugiati in arrivo sono seguiti individualmente e assistiti tempestivamente nella risoluzione di varie questioni relative alla loro ulteriore sistemazione, all’occupazione, alla fornitura di servizi pre-scolastici ed educativi ai bambini, nonché alla fornitura di sussidi e indennità sociali.

La hotline del Quartier Generale di Coordinamento Congiunto della Federazione Russa per la Risposta Umanitaria, le autorità esecutive federali, le regioni della Federazione Russa e varie organizzazioni non governative hanno ricevuto 41 richieste di evacuazione verso la Russia, le repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, nonché verso le aree controllate dalle Forze Armate russe delle regioni di Zaporozhye, Nikolaev, Kharkov e Kherson. In totale, il database contiene 2.758.804 appelli di questo tipo provenienti da 2.139 insediamenti in Ucraina e nei territori controllati da Kiev delle repubbliche del Donbas.

Inoltre, 70 navi straniere provenienti da 16 Paesi rimangono bloccate in sei porti ucraini (Kherson, Nikolaev, Chernomorsk, Ochakov, Odessa e Yuzhniy). La minaccia di bombardamenti e l’elevato pericolo di mine rappresentato dalla Kiev ufficiale impediscono alle navi di entrare in alto mare senza ostacoli.

A seguito di una serie di misure adottate dalla Marina russa, il porto di Mariupol continua a essere sottoposto a lavori di sminamento, l’infrastruttura portuale è regolarmente in fase di ricostruzione.

Le Forze Armate della Federazione Russa hanno creato le condizioni necessarie per il funzionamento di due corridoi umanitari marittimi che costituiscono corsie sicure per la navigazione:

nel Mar Nero (ogni giorno dalle 08:00 alle 19:00) per lasciare i porti di Kherson, Nikolaev, Chernomorsk, Ochakov, Odessa e Yuzhnyi verso sud-ovest dal mare territoriale dell’Ucraina, lungo 139 miglia e largo 3 miglia;

nel Mar d’Azov (ininterrottamente) per lasciare il porto di Mariupol, lungo 115 miglia e largo 2 miglia, verso il Mar Nero.

Informazioni dettagliate sul modus operandi dei corridoi umanitari marittimi vengono trasmesse ogni 15 minuti via radio VHF sui canali internazionali 14 e 16 in inglese e russo.

Le autorità di Kiev continuano a non impegnarsi con i rappresentanti degli Stati e delle compagnie navali per risolvere il problema di garantire il passaggio sicuro delle navi straniere verso l’area di raccolta.

Il pericolo per la navigazione rappresentato dalle mine ucraine alla deriva lungo le coste degli Stati del Mar Nero permane.

La Federazione Russa sta adottando una serie di misure complete per garantire la sicurezza della navigazione civile nelle acque del Mar Nero e del Mar d’Azov.

I distaccamenti di sminamento delle Forze armate russe e dell’EMERCOM della Russia stanno svolgendo attività di bonifica di terreni e strutture nel territorio delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk.

In totale sono stati esplorati 3.642,24 ettari di terreno, 35 edifici (tra cui 13 strutture socialmente importanti), 2 ponti e 9,64 km di strade. 40.651 resti di esplosivi sono stati individuati e neutralizzati.

Le autorità esecutive federali, in coordinamento con le regioni della Federazione Russa, varie organizzazioni pubbliche e movimenti patriottici, continuano ad accumulare aiuti umanitari. Nei punti di raccolta sono state preparate più di 41 mila tonnellate di beni di prima necessità e kit alimentari, compresi alimenti per bambini e medicinali salvavita.

I maggiori contributori agli sforzi di soccorso sono stati:

Ministero della Federazione Russa per la Difesa Civile, le Emergenze e l’Eliminazione delle Conseguenze dei Disastri Naturali, Ministero dell’Industria e del Commercio della Federazione Russa, Ministero dei Trasporti della Federazione Russa, Ministero dello Sviluppo Economico della Federazione Russa, Ministero dello Sviluppo Digitale, delle Comunicazioni e dei Mass Media della Federazione Russa, Agenzia Federale per il Trasporto Marittimo e Fluviale, Servizio Federale dei Balivi Giudiziari, Servizio Federale per la Registrazione, il Catasto e la Cartografia dello Stato, Agenzia Federale per gli Affari Etnici;

le repubbliche di Bashkortostan, Repubblica Cecena, Crimea, Daghestan, Cabardino-Balkaria, Sakha (Yakutia) e Tatarstan, nonché Arkhangelsk, Belgorod, Bryansk, Kaluga, Khabarovsk, Krasnodar, Leningrado, Mosca, Novosibirsk, Primorie, Rostov, Samara, Saratov, Sverdlovsk, Tula, Ulyanovsk, Voronezh e Yaroslavl, la regione autonoma di Khanty-Mansi e le città di Mosca, San Pietroburgo e Sebastopoli;

tra i partiti politici e le organizzazioni no-profit: Russia Unita, il Movimento Pubblico All-Russian “Fronte del Popolo”, l’Organizzazione Pubblica All-Russian dei Veterani “Fratellanza di Battaglia”, l’organizzazione autonoma senza scopo di lucro a sostegno dei programmi umanitari “Missione Umanitaria Russa”, la Società per Azioni Aperta “Ferrovie Russe”, l’Azienda Spaziale Statale “Roscosmos” e l’Organizzazione Pubblica Statale All-Russian “Unione delle Donne Russe”.

Dal 2 marzo, la Federazione Russa ha già consegnato all’Ucraina 37.770,4 tonnellate di merci umanitarie, sono state effettuate 1.231 campagne umanitarie, tra cui 5 campagne nelle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, nelle regioni di Zaporozhye, Kharkov e Kherson, durante le quali sono state distribuite 343,3 tonnellate di aiuti umanitari alla popolazione civile delle aree liberate.

Il 29 giugno 2022, nella Repubblica Popolare di Donetsk, nelle regioni di Zaporozhye, Kharkov e Kherson sono in corso 5 campagne umanitarie, durante le quali sono state distribuite 381 tonnellate di beni di prima necessità, medicine e cibo.

Submit your review
1
2
3
4
5
Submit
     
Cancel

Create your own review

Mananera
Average rating:  
 0 reviews